Vellutata di cavolfiore giallo e Robiola con speck croccante

Vellutata di cavolfiore giallo e Robiola con speck croccante, Pianoterralatoparco

Eccomi con una nuova ricetta per una calda, fumante, golosa vellutata: la vellutata di cavolfiore giallo e robiola con speck croccante.

Alzi la mano chi non ha detto almeno una volta “bleah” davanti a un cavolfiore. E’ quella verdura sfigatella che non compriamo mai perchè:

  • puzza quando lo cucini
  • non sai mai cosa farci
  • non piace a nessuno
  • ci vuole Maciste per staccargli le capoccette

Ebbene, per le capoccette non posso aiutarvi. Chiamate Maciste.

Ma per gli altri punti posso decisamente passarvi una ricetta che fa leccare i baffi a tutti in casa mia.

Ingredienti per tre persone

un cavolfiore giallo, medio

100g di robiola

100g di speck, a cubetti o listarelle

1 cipolla bianca

dado granulare 1 misurino

mezzo bicchiere di latte

mezzo bicchiere di aceto di mele

sale e pepe q.b.

olio evo 2 cucchiai da minestra

Prima di tutto, chiamate Maciste e chiedetegli di staccare le capoccette al cavolfiore.

Poi lavatelo bene e buttatelo in una pentola con acqua già in ebollizione. Per evitare la diffusione di quell’odorino tipico da toilette di autogrill, versate nell’acqua mezzo bicchiere di aceto di mele. Fate bollire 5 minuti e scolate.

Tritate la cipolla e rosolatela in padella con 1 cucchiaio d’olio evo. Unite il cavolfiore e completate la cottura aggiungendo un bicchiere di acqua e un misurino di dado granulare. A parte, rendete croccanti i cubetti di speck rosolandoli in padella con un filo di olio evo.

Quando il cavolfiore sarà cotto, aggiungete il latte e la robiola, dopodichè frullate il tutto fino a raggiungere una consistenza vellutata, appunto.

Servite guarnendo con i cubetti croccanti di speck e nel piatto degli adulti aggiungete una spolverata di pepe.

Chiara Mainini

Founder di Piano terra, lato Parco
Avvocato e web editor
Mamma di Eddy e G, moglie di Teo

potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SEGUIMI!