Una tipologia di video che adoro su youtube sono i book tag. Perchè mi fanno conoscere altri drogati di libri come me e perchè mi fanno sentire un po’ meno anormale.

Quindi ho deciso di iniziare a proporvi anche qualche tag post. Nella speranza che vi piaccia e vi interessi farvi un po’ di fatti miei.

Ho deciso di partire da un Book Tag che ho visto sul canale di Ilenia e che si chiama I dare you: ovvero, vi sfido!

Siete pronti? Iniziamo!

1 – Quale libro è rimasto nella tua libreria per più tempo?

Sicuramente, il libro più longevo che ho nella mia libreria è “Le metamorfosi” di Publio Ovidio Nasone, regalatomi (su mia richiesta) da mia madre quando avevo 14 anni.  Si tratta di un poema epico-mitologico risalente all’8 D.C. col quale Ovidio ha affrontato, appunto, il tema della metamorfosi tramandando storie e racconti appartenenti alla tradizione classica greca e romana.

Book Tag

 

2 – Qual è la tua lettura in corso, l’ultima lettura che hai affrontato e quella che affronterai dopo?

La lettura che ho in corso è Anna Karenina e mi sta piacendo moltissimo. La lettura precedente, invece, è stata Riparare i viventi, di Maylis De Kerangal. Riguardo alla prossima lettura, invece, non ho ancora un’idea precisa. Mi farò chiamare dal libro giusto per quel momento, come faccio sempre.

Credits: www.amazon.it
Credits: Google Books

3 – Qual è il libro che tutti hanno amato e tu invece hai odiato?

Indubbiamente, La verità sul Caso Harry Quebert. Lungo, prolisso, verboso, costruito male. L’ho veramente detestato, eppure il mondo intero pare adorarlo. De gustibus.

Credits: Google Books

4 – Quale libro ti ripeti sempre che leggerai ma probabilmente non lo farai mai?

Probabilmente Alla ricerca del tempo perduto, di Marcel Proust. Tanti mi dicono che lo hanno apprezzato nonostante sia obiettivamente un mattone e mi dico spesso che prima o poi lo leggerò ma probabilmente non lo farò mai. Appunto.

Book Tag

5 – Quale libro stai conservando per la pensione?

Ammesso che la mia generazione riesca a vedere la pensione prima di morire, probabilmente il primo libro che leggerei sarebbe La Divina Commedia. Non chiedetemi perchè. A scuola l’ho odiata ma penso che rileggerla quando si è in là con gli anni e la vita alle spalle le conferisca un sapore diverso.

Book Tag

 

6 – L’ultima pagina: la leggi subito o la leggi solo alla fine?

Io non ho mai letto l’ultima pagina di un libro per prima. E’ una cosa che non capisco. Perchè farlo?

7 – Prefazione, postfazione, riconoscimenti: un inutile spreco di carta o un’aggiunta interessante?

Assolutamente un’aggiunta interessante, anche se devo dire che in ogni caso io la prefazione la leggo sempre dopo aver letto il libro. Infatti, solitamente, essa rappresenta un approfondimento critico dell’opera e quindi per comprenderla meglio preferisco leggerla alla fine. A meno che, ovviamente, si tratti di un classico conosciuto.

8 – Con quale personaggio dei libri scambieresti la tua vita?

Questa domanda è divertente ma molto complessa. Se si intende domandare a quale personaggio mi sento più affine, tanto che un eventuale scambio di ruoli non inficerebbe il decorso della storia, dico probabilmente Jo March. Dal punto di vista caratteriale siamo molto simili e certamente avrei fatto le sue stesse scelte. Se, invece, la domanda è quale personaggio vorrei essere a prescindere da assonanze caratteriali, certamente direi Hermione Granger. Ma in tal caso, ve lo dico, Harry non avrebbe sposato Ginny Winsley!

9 – Qual è il libro che ti ricorda un momento specifico della tua vita (Un posto, un momento, una persona)?

Sicuramente è Castelli di rabbia di Alessandro Baricco, che mi ricorda un periodo molto bello della mia vita, quando avevo diciassette anni.

Book Tag
Credits: Google Books

10 – Nomina un libro che hai avuto in un modo particolare.

Un libro che ho avuto in modo particolare è un libro pop up per bambini di Ikea, che è stato letteralmente “rubato” da mio figlio. Senza che nè io nè il padre ce ne accorgessimo, infatti, lo aveva infilato nel cestello del passeggino, inavvertitamente poi coperto dalle nostre giacche. All’uscita i rilevatori hanno suonato, attirando l’attenzione della guardia che ci ha anche perquisito il passeggino senza trovare nulla. Lo abbiamo rinvenuto qualche giorno dopo riaprendo il passeggino. Piccoli lettori compulsivi un pò delinquenti crescono.

11 – Hai mai regalato un libro a una persona speciale per un motivo speciale?

Per me è abbastanza una regola, nel senso che per me i libri sono preziosi quindi non li regalo mai a casaccio, tendo sempre a scegliere una motivazione particolare e speciale . E non li regalo mai a chiunque, ma solo a persone che reputo importanti e che siano in grado di comprendere il valore che quel dono ha per me, oltre che per loro. Quindi sì, lo faccio spesso.

12 – Quale libro è stato con te in più posti?

Di sicuro è Casper, il gatto pendolare. Questo perchè era il libro che stavo leggendo quando sono andata a convivere, quindi ha fatto il primo trasloco da casa dei miei al loft e poi il secondo dal loft alla casa attuale. Tutti i miei libri “della giovinezza” sono rimasti dai miei, non li ho portati con me perchè al loft non avevo molto spazio, quindi il vecchio Casper è l’unico che si è fatto due traslochi. Insieme alla Sacra Bibbia, ora che ci penso.

Book Tag
credits: Google Books

13 – Letture obbligatorie: quale libro hai odiato al liceo che, riletto qualche anno dopo, non era così male?

Va detto che al liceo non facevamo letture obbligatorie, era consigliato leggere ma a parte le materie scolastiche nessuno ci obbligava a leggere alcunchè. Di conseguenza mi è sempre piaciuto più o meno tutto. Nelle materie scolastiche, invece, una lettura che ho odiato alle superiori e che invece ho rivalutato successivamente è stata I promessi sposi. Era “pallosissimo” (Manzoni, perdonami) e non mi interessava per niente sapere come andasse a finire la storia d’amore di questi due disgraziati. Non sono una fan delle storie d’amore neppure oggi. Dopo il liceo, chiaramente, ne ho apprezzato il valore stilistico e letterario, oltre la storia in sè.

Book Tag

14 – Libri usati o nuovi?

Entrambi indistintamente. Compro il nuovo essenzialmente quando trovo promozioni che mi consentono di risparmiare una cifra considerevole. Compro l’usato quando devo risparmiare o quando trovo edizioni particolarmente belle nei mercatini. Non sono assolutamente maldisposta verso l’usato, purchè sia ben tenuto. Odio libri con orecchie, con pagine strappucchiate o sottolineate con la penna.

15 – Hai mai letto un libro di Dan Brown?

Sì, ho letto il Codice da Vinci quando ormai era da un anno in cima alle classifiche dei best sellers, mi dicevo “e che sarà mai?!”. Mi è piaciuto ma non ho approfondito altre letture dell’autore.

Book Tag

16 – Hai mai visto un film che ti è piaciuto più del libro?

No. Tutti i film tratti da un libro li ho trovati non abbastanza approfonditi su qualche aspetto e quindi non altrettanto espressivi.

Diversamente, ho visto una serie TV che mi è piaciuta più dei libri e mi riferisco a Pretty Little liars. Non c’è davvero paragone. E’ molto più bella la serie Tv.

17 – Hai mai letto un libro che ti abbia fatto venire fame?

Sì, La regina della casa, di Sophie Kinsella. C’è tutta la parte in cui Samantha impara a cucinare dalla mamma di Nathan che fa letteralmente venire l’acquolina in bocca.

Book Tag

18 – Qual è la persona di cui segui sempre i consigli nell’ambito delle letture?

Non ne ho solo una e non seguo “sempre” i consigli. Seguo molto Youtube Italia nella sezione Booktuber, in particolare Ilenia Zodiaco, Joey Gianvincenzi e Le pagine di Leda. Poi seguo alcuni blog, come La libreria di Tessa e la spacciatrice di libri. Dopodichè, se qualche titolo in particolare mi incuriosisce ma non fido, cerco recensioni sia su Youtube Italia che tra alcuni Youtuber americani. Non c’è comunque una persona che seguo in tutto e per tutto perchè resto molto fedele ai miei gusti.

19 – Qual è il libro totalmente fuori dalla tua comfort zone che invece hai finito per amare?

E’ certamente il libro che ho in corso, ovvero Anna Karenina. Non è il mio genere, in più dopo un’esperienza fallimentare con “L’idiota” io avevo deciso (del tutto superficialmente) che avrei odiato i russi. E invece Anna Karenina mi sta piacendo da morire e non me lo sarei mai aspettato.

Bene amici, il Book Tag finisce qui, spero di avervi fatto compagnia in modo piacevole ed interessante.

Se volete partecipare al Tag potete farlo commentando questo post, lasciando un commento sulla mia pagina facebook sotto al post oppure dal vostro blog linkandomi qui sotto il vostro articolo.

Mentre aspetto le vostre risposte,  io taggo espressamente Paola,  di Mamsitter Italia,  e Priscilla:  sono curiosissima delle vostre risposte,  amiche!

Al prossimo Book Tag!

riparare i viventi

 

 

 

Chiara Mainini Administrator

Ciao, mi chiamo Chiara Mainini, mi sono laureata a pieni voti in Giurisprudenza a 23 anni e ho esercitato per dodici la professione di Avvocato penalista. Oggi ho cambiato rotta, dopo un master in web marketing e scrittura per la rete lavoro come web editor freelance: creo contenuti per il mio blog ed altri siti che si occupano di maternità.

follow me
Tag: