Le mie letture estive – seconda parte

Le mie letture estive – prima parte lo trovate qui.

Continuiamo la carrellata di titoli che ho trangugiato con spasmodica ingordigia.

Parliamo di Io ci sono – la mia storia di NON amore, di Lucia Annibali con Giusi Fasano.

Devo ammettere che su questa storia ero partita enormemente prevenuta. Ho seguito la vicenda sin dal suo esordio grazie ai programmi TV che se ne occuparono a suo tempo; devo ammettere che – su tutti – mi ero lasciata molto condizionare nei miei giudizi dal programma di Franca Leosini. La giornalista, che io stimo moltissimo, si era infatti recata in carcere ad intervistare Luca Varani . E onestamente avevo ritenuto che della sig.ra Lucia Annibali non risultasse un ritratto particolarmente edificante dalle ripercorse emergenze processuali. Tuttavia, la lettura delle sue memorie, delle sue sofferenze, dei suoi mille modi di spronarsi continuamente alla resilienza ed alla forza mi hanno non solo fatto cambiare completamente idea, ma soprattutto mi hanno fatto crescere una stima grandissima nei confronti di questa grande Donna e collega. Vi racconterò presto la sua storia per la rubrica Scarpette rosse. Il suo libro non ve lo svelerò, perchè vi auguro di scoprirne il grande valore educativo con lo stesso stupore e la stessa commozione che ho provato io. Regalatelo : alle vostre mamme, sorelle, amiche, figlie.

Da tempo desideravo leggere qualcosa che riguardasse la vicenda, tanto contorta, della giovane Elisa Claps.

Ammetto con vergogna che di questa storia sapevo pochissimo, pur avendone vissuto l’evoluzione in anni di pieno discernimento. Ho quindi acquistato Per Elisa, il resoconto scritto a quattro mani da Gildo Claps, fratello della vittima, e Federica Sciarelli. Ha soddisfatto pienamente le mie aspettative. Si tratta di un’esposizione veramente dettagliata di tutti i fatti e di tutti gli avvenimenti accaduti nei lunghi anni che si resero necessari alla risoluzione del caso. In particolare mi ha colpito la straordinaria capacità degli autori di creare un clima di impaziente aspettativa nel lettore, esattamente come impazientemente hanno atteso – per anni lunghissimi – i familiari della povera vittima. L’ho trovato davvero esauriente, anche di questa vicenda vi parlerò per la rubrica Scarpette rosse.

Muovendomi tra le fila delle pubblicazioni di questo genere, un giorno mi sono imbattuta nell’incredibile storia di Ayse Durtuc, una giovane ragazza siracusana di origine turca, rapita dalla propria famiglia che non voleva farla vivere all’occidentale. Tutto quello che ho letto in questo libro di non fiction mi ha lasciato letteralmente a bocca aperta. Ayse viene rapita dalla madre e portata in Turchia; qui verrà tenuta prigioniera e sotto strettissima sorveglianza in attesa di trovare un marito che – di fatto – la compri. Dovete assolutamente leggere Liberasempre, di Ayse Durtuc e Nina Palmieri.

Chiude la carrellata il secondo testo sul caso Orlandi, L’Affaire Orlandi di Roberta Hidalgo.

Di questo libro vi parlerò presto, mi ha suscitato sentimenti molto contrastanti. Da un lato contiene rivelazioni che – fossero veritiere – sovvertirebbero tutto quello che abbiamo sempre ritenuto essere accaduto ad Emanuela Orlandi negli ultimi trentaquattro anni. Dall’altro, però, mi è parso basato su un’indagine troppo arrangiata, troppo self service, quasi rocambolesca. Tutto ciò che svela potrebbe anche avere un suo senso; tuttavia le fonti, le modalità di indagine, la ricerca condotta per approdare ai risultati esposti, paiono privi di autorevolezza e “sterilità”. Nonostante ciò, non vi nego che le affermazioni ivi contenute sono davvero esplosive e non del tutto prive di una certa coerenza e possibilità. Tutto sommato è stata una lettura molto interessante.

 

Se avete letto qualcuno di questi libri fatemi sapere cosa ne pensate. Nelle prossime settimane pubblicherò le recensioni e sono curiosa di avere anche le vostre opinioni.

photocredits: tutte le immagini di copertina sono tratte da Google books

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *