Con questo post partecipo alla settimana narrativa degli Aedi Digitali.   Il tema di questa settimana è #conod’ombra,  e ho voluto affidarlo alle splendide parole della mia amica,  Alessia Granvillano. Perché intorno a noi è pieno di storie ai margini, che aspettano fuori dalla luce abbagliante solo per essere raccontate. 

***

– Dovete morire tutti ammazzati, di morte violenta.
– Ciao Franco, come stai?
– Oh, ciao Ale, sto bene grazie, lurida sgualdrina.
– Franco mi è avanzata della frutta, ti piacciono le pesche?
– Sì, zoccola, cagna, vaffanculo.
– Hai bisogno di un’altra coperta?
– Sì Ale per il mio cane, vai a morire ammazzata.

Lui è Franco.

Ha settant’anni e soffre della sindrome di Tourette.

Per questa malattia ha perso tutto, il lavoro, la famiglia, i nipoti e vive sotto un portico in compagnia del suo cane, Argo. Come il cane di Ulisse. Perchè Franco era un professore universitario, prima che la malattia gli strappasse la vita .

Non riesce a trattenersi nel dire volgarità e gli leggi negli occhi che non lo fa apposta. Che gli dispiace.

Perchè a volte ti fa una carezza che vale più di tutto quanto dica.

 

Chiara Mainini Administrator

Ciao, mi chiamo Chiara Mainini, mi sono laureata a pieni voti in Giurisprudenza a 23 anni e ho esercitato per dodici la professione di Avvocato penalista. Oggi ho cambiato rotta, dopo un master in web marketing e scrittura per la rete lavoro come web editor freelance: creo contenuti per il mio blog ed altri siti che si occupano di maternità.

follow me

Related Post

Tag: